Leggende urbane post terremoto

on . Postato in Modena

Si chiama "terremoti, sismologia ed altre sciocchezze'' ed e' il blog -ben fatto e molto chiaro- gestito dal prof. Marco Mucciarelli.
In uno dei suoi ultimi post (quello del 4 giugno) Mucciarelli parla di due leggende urbane post-terremoto particolarmente diffuse sui territori colpiti dal sisma:

Leggenda 1) L'INGV fornisce magnitudo inferiori a 6 perchè così lo stato e le assicurazioni non pagano i danni
Leggenda 2) I siti stranieri danno sempre magnitudo più grandi, l'INGV ci nasconde qualcosa

Per approfondire vai a http://tersiscio.blogspot.it/2012/06/la-leggenda-della-magnitudo-e.html

Una raccolta fondi per ricostruire il Consultorio psicogeriatrico di Mirandola

on . Postato in Modena

AGE (associazioni geriatri extraospedalieri) EMILIA ROMAGNA ha avviato una raccolta fondi per ricostruire il Centro (Consultorio psicogeriatrico) di Mirandola, punto di riferimento di tutti gli ammalati di demenza e delle loro famiglie, residenti nei 9 comuni dell'Area Nord della provincia di Modena, drammaticamente andato distrutto nel terremoto del 20 e del 29 maggio.

Fondo ricostruzione: sono 18 i comuni modenesi compresi

on . Postato in Modena

«Sono 18 i Comuni modenesi che usufruiranno delle risorse del Fondo per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma previsto dal decreto del Governo del 6 giugno scorso». Lo chiarisce Stefano Vaccari, assessore con delega alla Protezione civile della Provincia di Modena sottolineando che «non deve trarre in inganno l'allegato, nello stesso decreto, relativo alla sicurezza delle strutture non abitative che rimanda a un elenco di 14 comuni. Il Fondo per la ricostruzione - ribadisce Vaccari - fa riferimento a un elenco di 18 comuni, quelli individuati nel decreto di sospensione dei tributi, dove sono compresi anche Bastiglia, Bomporto, Campogalliano e Castelfranco Emilia. Sono gli stessi Comuni che fanno parte, insieme alle Province colpite,  del Comitato istituzionale e di indirizzo per la ricostruzione che si è riunito nei giorni scorsi».

Una favola per ricostruire la scuola elementare di Mirandola dopo il terremoto

on . Postato in Modena

È passato un mese dal primo terremoto che ha cambiato il volto della pianura emiliana (ma anche lombarda e veneta) e, tra nuove scosse che non danno tregua, la situazione rimane difficile. Sono migliaia le persone assistite dalla protezione civile e moltissimi i bambini e i ragazzi costretti a terminare in anticipo la scuola e a sostenere gli esami in condizioni di emergenza.

TERREMOTO e PAURA? Parliamone! Punto di Ascolto per Adulti e Ragazzi a Modena

on . Postato in Modena

Il terremoto è un evento traumatico che può incidere negativamente sul benessere psicofisico di chi lo vive.
Questo recente evento spiacevole ha attivato in tutti noi forti timori e pensieri negativi, che si rinnovano ogni qualvolta si assiste alla visione di immagini trasmesse dai media.
La brusca sospensione delle attività didattiche non ha poi consentito ai ragazzi di avere uno spazio per condividere ed elaborare l'evento con le parole ed i tempi giusti, lasciandoli di fatto immersi nella confusione del contesto circostante.
Tali emozioni possono però essere rielaborate e trasformate in nuove energie creative, se sono adeguatamente gestite da persone significative, in primis i genitori e gli adulti più vicini ai ragazzi, come insegnanti ed educatori.

Microcredito per l'emergenza sisma

on . Postato in Modena

A seguito del terremoto che ha colpito il modenese, il progetto di microcredito della Fondazione Casa del Volontariato di Carpi può rappresentare un piccolo ma utile strumento per le necessità della popolazione.

Blocco di bollette e utenze: il vademecum

on . Postato in Modena

Per i residenti nelle aree colpite dal sisma le cui abitazioni sono inagibili è stata prevista la sospensione dei pagamenti di bollette e utenze varie. Per districarsi tra provvedimenti ad hoc e  iter burocratici, Federconsumatori diffonde il vademecum contenente i consigli pratici su come muoversi.

Per visualizzare il vademecum clicca QUI

Piano emergenza animali: il vademecum per le zone terremotate

on . Postato in Modena

Sono circa una sessantina, tra cani e gatti, gli animali domestici ospitati in cucce e box allestiti nelle tendopoli in cui hanno trovato rifugio anche i loro padroni. L'iniziativa è partita dal Servizio veterinario dell'Usl di Modena che ha mantenuto le funzioni di coordinamento e di controllo del benessere degli animali, mentre la gestione è affidata a volontari delle associazioni animaliste e la cura ai padroni.