Aiutiamo l'A.S.D.A.M. di Mirandola a ripartire

on . Postato in Modena

Gli eventi sismici del 20 e 29 maggio hanno duramente colpito i numerosi comuni dell’Emilia, in particolare Mirandola, Finale Emilia e Cavezzo che rappresentano le tre realtà simbolo di questo tragico evento. Il crollo di edifici pubblici, privati, chiese e scuole oltre che aziende hanno prodotto danni irreparabili e difficoltà enormi sia al comparto produttivo che all’occupazione in queste zone. Anche gli ospedali della zona sono da allora inagibili, e Mirandola offre assistenza ai suoi ammalati in un campo ospedaliero attrezzato dalla protezione civile. Ma gli emiliani da sempre si distinguono per il coraggio e la tenacia e la voglia di rialzarsi e di risorgere si respira nell’aria a pieni polmoni.

A.S.D.A.M. onlus (Associazione Sostegno Demenze Alzheimer Mirandola) è presente da oltre 10 anni come associazione di volontariato e offre il suo aiuto ai familiari ed agli ammalati di demenza. Dal terremoto l’associazione non ha più le sue sedi: sono stati dichiarati inagibili infatti sia i due Punti d’Ascolto siti a Mirandola e a Finale Emilia, che l’edificio dove si svolgevano le attività psicosociali e di formazione rivolte sia agli ammalati che ai loro familiari.

Da circa un mese i volontari ed il personale tecnico dell’A.S.D.A.M. presta giornalmente i suoi aiuto agli specialisti del Consultorio Psicogeriatrico nel campo, accogliendo sotto il suo gazebo gli ammalati ed i familiari che sono in attesa della visita medica, offrendo supporto, sostengo psicologico e consigli, per affrontare le dure situazioni di disagio e di “perdite” che stanno vivendo. A seguito di una recente riunione dove erano presenti anche il presidente dell’associazione regionale Alzheimer E-R, le dodici associazioni locali che ne fanno parte e il personale specialistico del Consultorio distrettuale sono state individuate alcune priorità. È necessario infatti acquistare un prefabbricato (in attesa della ricostruzione) che per i prossimi anni possa diventare il punto di riferimento dell’associazione e di tutte le famiglie da essa seguite, ma soprattutto incrementare il numero dei servizi che offre gratuitamente.

In particolar modo sia il progetto “Ore di sollievo” che i “gruppi di auto-mutuo-aiuto” permetteranno di far fronte alle impellenti necessità delle famiglie. Il progetto “Ore di sollievo” infatti rappresenta per l’A.S.D.A.M. una delle iniziative meglio consolidate e di maggior successo, poiché permette di fornire delle “pause” al familiare che viene temporaneamente sostituito da personale qualificato a domicilio. Inoltre verrà aumentato il numero dei gruppi di auto-mutuo-aiuto condotti da una psicologa per garantire maggiore supporto e sostegno anche in quei comuni nei quali fino ad ora non erano presenti.  

Al più presto inoltre verranno riprese tutte le iniziative a partire dall’Alzheimer Caffè, incontro informativo per i familiari, i corsi rivolti a persone malate di demenza quali la Stimolazione Cognitiva, la Musicoterapia e l’attività Motoria adattata.

Per queste importanti iniziative è stata lanciata una sottoscrizione per la raccolta di fondi che verrà interamente destinata all’acquisto di un prefabbricato (che diventerà la nuova sede di ASDAM) e nell’impiego dei progetti che verranno portati
avanti nei prossimi mesi.

È possibile versare il proprio contributo sul C/C bancario di ASDAM onlus IBAN IT27 S 0538 7668 50000001154748 indicando la seguente causale: contributo emergenza terremoto.