Centro Attività Ricreative e Culturali - Finale Emilia

on . Postato in Uncategorised

CARC chiede fondi per ATTREZZATURE e TRASLOCO

Chi sono
CARC (Centro Attività Ricreative e Culturali) – APS – Finale Emilia       
www.carcfinale.it

Cosa fanno
L’Associazione, nata nel lontano 1966, ha costituito e gestito fino al ‘92 il Museo di Storia Naturale, ora Civico, poi, nel 1993 ha fondato l’Università della Terza Età e del Tempo Libero di Finale Emilia.
Organizza diverse attività culturali (concerti corali, concerti di musica classica e leggera, serate dialettali, serate di poesia, conferenze), attività di conservazione delle tradizioni e manifestazioni per i bambini (festa della befana, festa dell’aquilone, madonnari in erba), feste sociali (festa della candelora, della famiglia, di carnevale, di S. Martino, degli auguri, di S. Silvestro), organizza per i propri soci gite in Italia e all’estero, scampagnate, tornei di dama e scacchi.
210 i soci dell’associazione, 450 gli iscritti all’Università della terza età, cittadini di Finale Emilia e dei comuni limitrofi (S. Felice sul Panaro, Camposanto, Mirandola, Cavezzo, Medolla,Cento e frazioni, Bondeno, S. Agostino, Crevalcore, S. Giovanni in Persiceto, ecc.)

Cosa è andato distrutto/cosa chiedono
L’Associazione, data l’inagibilità delle sue due vecchie sedi (Via Monte Grappa- attualmente occupata da alcuni uffici comunali, e Via Malaguti – inagibile) ha già trovato, in affitto, una nuova sede (vicino al nuovo polo scolastico di Finale Emilia) che però deve essere adattata e sistemata entro l’anno. CRAC chiede quindi di finanziare l’acquisto delle attrezzature andate distrutte nelle sedi di cui sopra a causa del sisma (lavastoviglie, 2 tavoli, vetrinetta porta suppellettili, piatti e bicchieri, TV, un PC portatile, un proiettore, un telo per la proiezione, 27 sedie) e la copertura per le spese di trasloco dei mobili ancora utilizzabili.

Quanto occorre

Importo necessario per il ripristino o la sostituzione delle attrezzature: € 10.000, di cui 7.000 richieste alla Rete del Terzo settore e il rimanente come autofinanziamento