Finale Emilia - riqualificazione bocciodromo e luogo di aggregazione

on . Postato in ricostruiamo

Descrizione del bisogno da soddisfare

Riqualificazione del vecchio bocciodromo per la creazione di un luogo di aggregazione per anziani e di uno spazio di socialità per le iniziative della comunità.

 

Soggetti Beneficiari dell’intervento

Comune di Finale E, Polisportiva Futura, associazioni di volontariato e di promozione sociale, cittadini

 

B. DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Descrizione delle finalità dell’intervento e indicazione degli obiettivi specifici:

(descrizione delle finalità generali del progetto e degli obiettivi perseguiti evidenziandone il contributo al sostegno del processo di ricostruzione sociale, economica, lavorativa, materiale, relazionale del territorio)

 

Il sisma ha modificato enormemente lo stile di vita delle piccole comunità dei comuni del cratere; non esistono più spazi aggregativi né luoghi di incontro della comunità dove organizzare iniziative culturali o eventi. Inoltre le associazioni che da anni operano sul territorio garantendo servizi socio sanitari non hanno più una sede in cui erogarli, i cittadini attivi che si occupano delle iniziative culturali non hanno più un luogo di ritrovo.

In questa situazione l`intera popolazione soffre la mancanza di spazi di coesione sociale che favoriscano il ritorno ad una parvenza di normalità. La progettazione di case del volontariato, intese come centri multifunzionali per l`aggregazione della popolazione e la realizzazione di quelle attività che un tempo venivano realizzate in luoghi tradizionali come le biblioteche, le rocche e gli edifici pubblici che ora non esistono più, risponde a questi nuovi bisogni di ripensare i luoghi in senso sociale.

Il progetto mira a realizzare un intervento di riqualificazione di una parte delle strutture sportive di Finale, in particolare di quell’area che precedentemente al sisma veniva utilizzata come bar e bocciodromo. Obiettivo del progetto è la creazione di uno spazio polifunzionale che sia al contempo un centro aggregativo per la terza età dove realizzare spettacoli, eventi musicali, balli e un luogo per eventi culturali destinati alla comunità finalese.

Descrizione, partendo dall’attuale stato di fatto, delle attività per il conseguimento delle finalità e degli obiettivi sopra esposti

 

La giunta comunale ha deliberato un intervento di riqualificazione nell’ex bocciodromo per creare un luogo di aggregazione per anziani e un centro polifunzionale per la comunità finalese.

Dopo un primo incontro del CSV con il Sindaco e l’assessore alle politiche sociali, la Giunta comunale ha individuato lo spazio che sarà oggetto di ricostruzione fra gli edifici esistenti . Si tratta del l’ex bocciodromo di Finale, un edificio ad un piano, a ferro di cavallo che prima del sisma ospitava il bar e il bocciodromo per anziani. Si è ora fissato un incontro a inizio febbraio tra ASVM, Amministrazione comunale e Politecnico di Milano per definire la destinazione finale dell’edificio e gli aspetti più tecnici del lavoro

 

 

Tempi stimati di avvio, realizzazione e conclusione dell’intervento

 

 

I tempi per la realizzazione dei vari progetti saranno diversi a seconda delle situazioni e dei contesti in cui verranno realizzati. Indicativamente prevediamo di terminare la prima fase dei lavori, costituita dalla progettazione partecipata degli interventi entro agosto 2013 e di avviare la seconda fase, di ristrutturazione e ricostruzione da settembre 2013.

 

Avendo tra i promotori dei diversi progetti anche gli Enti locali prevediamo saranno le stesse Pubbliche amministrazioni a farsi carico degli aspetti autorizzativi e di gestione degli interventi.

Il programma dei lavori sopradescritto sarà condizionato in buona parte dalle disponibilità economiche dei diversi soggetti, pubblici e privati coinvolti nel progetto.

 

Risultati attesi dall’intervento

 

Fra i risultati attesi nel breve periodo:

- la partecipazione attiva dei soggetti coinvolti nel processo di progettazione delle case del volontariato;

- il coinvolgimento del mondo profit nella raccolta fondi

 

Nel medio e lungo periodo:

- ripristino dei servizi da parte delle associazioni di volontariato

- creazione di nuovi servizi grazie alle nuove relazioni tra associazioni, istituzioni e comunità

- ottimizzazione dei costi di gestione

- risparmio energetico

- incremento del numero di cittadini attivi all`interno di ogni struttura realizzata

 

Elementi innovativi e di qualità presenti all’interno del progetto e del valore aggiunto apportato alla situazione di partenza

 

Fra gli elementi innovativi dei progetti che presentiamo possiamo elencare la progettazione partecipata dei processi che porteranno alla realizzazione delle case del volontariato, la creazione di spazi polifunzionali nuovi dove le associazioni condivideranno luoghi, funzioni e attrezzature.

Inoltre nella costruzione degli edifici ci si avvarrà di professionisti e imprese locali e si porrà particolare attenzione al coinvolgimento dei soggetti di volontariato di protezione civile che sono stati attivi durante l’emergenza a favore della popolazione locale

 

Coprogettazione e cofinanziamento costituiscono le basi per una buona prassi di Responsabilità sociale di comunità in cui aziende locali, consorzi, insieme alle Pubbliche Amministrazioni, insieme al terzo settore in partnership realizzano progetti a beneficio della collettività (partnership territoriali diffuse per il bene della comunità.


Il valore aggiunto può essere inoltre costituito dalla creazione di nuovi posti di lavoro all`interno delle nuove strutture per attività comuni (attività di portierato, gestione di spazi di ristoro) e soprattutto da uno spazio nuovo d`intervento destinato alle nuove realtà del terzo settore che prima non operavano in questi luoghi.


Oltre a ciò questi progetti contribuiranno a fornire mezzi o sedi per la realizzazione delle attività a favore della popolazione per ricostruzione per esempio spazi di incontro per giovani e anziani fragili per ricostruire il senso di appartenenza alla comunità e preservare e legami sociali.

Per offrire supporto a questa complessa progettazione partecipata il Centro servizi volontariato garantisce la propria presenza nelle diverse fasi del processo con un ruolo di stimolo, coordinamento e mediazione. Il Centro servizi inoltre si impegna a coinvolgere tutte le realtà di terzo settore almeno nella fase consultiva.

Altri soggetti coinvolti nella realizzazione del progetto e partnership da attivare per la valorizzazione del progetto

Tutti i progetti saranno realizzati da reti di soggetti del terzo settore, amministrazioni pubbliche con il coinvolgimento di donatori pubblici e privati, ma per alcune realtà sono già stati individuati soggetti terzi:

FINALE EMILIA

Politecnico di Milano, staff del professor Maffei

 

Impatti positivi per il contesto sociale ed ambientale di riferimento previsti dalla realizzazione del progetto

In tutti i progetti di ricostruzione si avrà particolare attenzione per gli aspetti del risparmio energetico, della riqualificazione territoriale degli spazi esistenti, dell’ottimizzazione delle risorse economiche.

Questi progetti mirano a rafforzare i legami sociali tra le diverse generazioni e a promuovere  cambiamenti culturali tra le stesse associazioni e tra i cittadini dovuti alla vicinanza e alla condivisione di spazi, creando coesione sociale attraverso la promozione del lavoro di rete e il confronto.